Palmoli, provincia di Chieti. Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi
Foto
Video
Come arrivare
Contatti
Prima pagina
Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli
Le feste I giochi Le usanze
Le usanze di paese
Il bando

Il banditore

Anticamente chiamato "lu buajìre", il banditore era un omino che, dotato di trombetta d'ottone e di megafono, girava a piedi tutte le strade del paese urlando annunci di pubblica utilità o informativi: dava insomma il bando. Quando il Comune o qualche negozio volevano far sapere qualcosa a tutti, attivavano il banditore che provvedeva a spargere la voce, letteralmente.
Annunci tipici erano più o meno così: "Peeeeeee! (suono della trombetta) ... Si avverte ... a tutti i cittadini ... che l'acqua ... non c'è!". Oppure: "Peeeeeee! ... E' arrivata ... la porchetta al forno ... calda ... alla macelleria di Ricci Luciano!"

Da questo personaggio è nata anche la frase: "A dà mannò lu buenn!", per dire, esagerando, che si vuole far sapere qualcosa a tutti. Di sicuro funzionava meglio di Internet!

Oggi questa figura è sparita, anche se è durata fino agli inizi del nuovo millennio. L'ultimo banditore, ed il più noto, è stato Cleto, che per tutti si identificava proprio con questa antica professione.


Campane legate

Si legano le campane

Il venerdì santo si usa legare le campane, in modo che non suonino più per scandire i momenti della giornata.
Per ovviare a questa mancanza, soprattutto nei tempi in cui la vita delle persone era regolata sugli orari dettati dai rintocchi, a Palmoli si usava mandare in giro per il paese, agli stessi orari in cui avrebbero dovuto suonare le campane, uno stuolo di ragazzini con degli aggeggi molto rimorosi, che prima urlavano l'ora stabilita, e poi facevano un gran chiasso!
"Mèeeeezzi jiùuuurneee! - Laaaa mèeessa! - Vuuuundunòoooore! - La Priiiicissiòooone" Questi erano gli urli che si sentivano per il paese nel giorno di venerdì santo!

Gli aggeggi rumorosi erano solitamente composti da raganelle di legno che venivano roteate per produrre più rumore possibile, ma anche semplici assi di legno con dei pezzi di ferro inchiodati in modo che fossero liberi di oscillare e di sbattere contro il legno quando si roteava il polso. Molto adatte alla bisogna erano delle vecchie "strèvole" (gli attrezzi di legno zigrinati che si usavano per lavare i panni), anche perchè erano già dotate di manico.

Come mai oggi non si trovano più 2 o 3 ragazzini che compiano questa caratteristica operazione?




Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli


amicidipalmoli.it - Sito su Palmoli (CH). E-mail: posta@amicidipalmoli.it
Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi, canzoni, mostre, turismo, accoglienza