Palmoli, provincia di Chieti. Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi
Foto
Video
Come arrivare
Contatti
Prima pagina
Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli
Proverbi e detti popolari palmolesi ed abruzzesi

Nei proverbi, nei detti, nei modi di dire, è veramente contenuto lo spirito di un popolo.
La civiltà abruzzese è prevalentemente agricola, e quindi la maggior parte dei detti popolari trae le sue immagini da scene e situazioni di vita dei campi, ma mostra anche l'arguzia e la salacità dell'abruzzese tipico!

69. A chi tròpp s'acciùcche, ji si scòpre lu cùle
Se non si conserva la dignità evitando di prostrarsi troppo, alla fine si diventa lo zimbello di tutti
 
18. A cussù je fète lu gàlle
Una persona molto fortunata
 
38. A lu piànde de l'erède, fèsse chi ci crède
Bisogna diffidare del dolore espresso da chi ne ricava interessi
 
12. A lu stracciàte mòcciche lu cane
Spesso i guai si accumulano su chi già non ha i mezzi per affrontarli
 
25. A 'rlavà la coccia all'àsine cià rimìtte l'acqua e lu sapòne
Inutile tentare di fare opere buone per persone irriconoscenti
 
31. A sànte vìcchie n'n s'appìcce cchiù cannèile
Quando una persona perde il potere di fare favori, non viene più considerato dal popolo
 
63. Acchiùnge a 'na vìnne, e schiùnge a 'nèntre
A volte non si riesce a tener dietro ai guai o ai malanni
 
30. Addò arrìve, mìtte lu zìppe
Ora fai quello che puoi, al resto ci pensi domani
 
8. Addò ci sta tante galle, n'ze fa mai jùrne
Quando comandano più persone, non si arriva mai ad una decisione
 
52. All'ùteme s'aricòntane le pèchere
Bisogna aspettare che qualcosa finisca per trarre un bilancio definitivo
 
4. Attàcche l'àsine addò dice lu patròne
E' bene seguire le volontà di chi detiene la proprietà delle cose
 
46. Bòtta sparàta, n'n zarchiàppe
Fatto un guaio, non si torna indietro. Inutile recriminare
 
70. Cajòla apèrta, cèlla mòrta
A volte gli anziani dimenticano aperta la patta dei pantaloni, ma il proverbio dice che da quella gabbia non può fuggire nulla
 
60. Cànna la vòcche mi prènde e lu cùle m'arrènne, vàje 'ngùle a lu mèdiche, a le midicìne e a chi le vènne
Se si ha buon appetito e l'apparato digestivo funziona bene, è sintomo di ottima salute
 
3. Cànna nènghe còppa còppa, vìnne la crapa e accàtte lu cappòtte
E' bene iniziare per tempo a prendere i provvedimenti per affrontare l'inverno
 
64. Che vì truvènne da na tròmba di cùle: 'na màrcia reàle?
Non possiamo pretendere più di ciò che i limiti delle persone ci possano offrire
 
67. Chi a la giuventù lànde lu vìzie, a la vìcchiaja l'aripìje
Nell'età avanzata ritornano tutti i vizi che si credevano abbandonati
 
54. Chi àrte sumènte, fàme areccòjie
Non sempre conviene insegnare proprio tutti i segreti della propria professione
 
42. Chi càpa càpa, càpa la scapatùre
Chi perde troppo tempo a scegliere, alla fine si becca gli scarti degli altri
 
32. Chi jòche pe' vìnce, lasce li stràcce e attàcche li cìnge
Al gioco non si vince mai. Deve essere un piacere, e non un accanimento per fare soldi
 
23. Chi nasce tonne, n'n po’ murì quadràte
E' difficilissimo cambiare il carattere di una persona
 
56. Chi n'n màgne, ha magnàte
Se non si accetta una cosa desiderabile, la si è già ricevuta da un'altra parte
 
44. Chi pàrle sumènte, chi si sta zìtte areccòjie
Se parliamo troppo delle nostre cose personali, qualcuno prima o poi ne approfitterà
 
55. Chi pècora si fa, lu lùpe se le màgne
Se si è troppo buoni, gli altri tenderanno ad approfittarsene
 
68. Chi pìje a zambàte ùgne prète che 'ncòndre, arevà a la càse 'nghè le scàrpe sfunnàte
Non è possibile togliersi tutti gli sfizi, o soddisfare tutte le nostre voglie
 
10. Chi pulisce la spase, fa li fijare bille
Uno stimolo per non sprecare mai ciò che si mangia: poi si avrà una bella prole
 
53. Chi rìde apprìme, dapò piàgne dù vòte
Non bisogna gioire troppo presto dei successi, e non bisogna deridere altri. In entrambi i casi andremmo soggetti a dure vendette
 
58. Chi spàrte, ha la mejia pàrte
Chi può gestire le cose comuni, conserverà per sé il vantaggio migliore
 
61. Chi tàrdi arrìva, male allòggia
Se si arriva tardi, non si possono pretendere i posti migliori
 
17. Chi te la moje belle sempre cante, chi te poca solde sempre conte
Quando in casa si hanno motivi di felicità spesso ci si preoccupa di meno delle cose materiali
 
13. Chi te lu pàne, n'n tè li dìnde
Molto spesso càpita che le cose belle vadano a chi non se le può godere
 
27. Chi vàtte la mòjie, vàtte la casa
Se si alzano le mani sulla moglie, si distrugge tutto l'ambiente domestico
 
37. Dàije e dàije, la cipolle divènta àije
Insistendo molto, si ottengono i risultati
 
49. Fa lu scèime pe' nni jè a la guèrra
Far finta di non capire per rifuggire dalle proprie responsabilità
 
11. Finita la vellegne, vè lu cojie de la live
In campagna non ci si riposa mai, c'è sempre qualcosa da fare
 
26. Frìje lu pèsce e abbàda a la gàtta
Premunirsi sempre contro possibili fregature quando si trattano cose importanti
 
57. Gallìna ca n'n bècche, ha già beccàto
Se non si accetta una cosa desiderabile, la si è già ricevuta da un'altra parte
 
5. Gnà è lu suldate, accuscì jappenne la sciabbule
Bisogna adattare le soluzioni secondo le tendenze della persona a cui sono destinate
 
21. Ha fatte patròne e sotte
Riferito alla passatella, si dice quando qualcuno si prende tutto quello che c'è
 
19. Ha truvàte Criste a mète e la Madonne a raccoje
Si tratta di una persona che, senza meriti, si è ritrovato un grosso lavoro già fatto da altri
 
16. In tempe d'appetite, la crosche è mijiche
Quando si ha fame, tutto ci sembra più buono
 
51. La càsa annascònne, ma n'arròbbe
Se si perde qualcosa in casa, prima o poi, con un po' di pazienza, si ritroverà
 
75. La mòsca càsca sempre a lu piàtte de lu schifòse
Quanto più cerchiamo di evitare qualcosa, tanto più siamo presi di mira dalla malasorte
 
7. La pècora fa l'agnille
Uno dei modi per rilevare che i figli hanno vizi e virtù dei genitori
 
28. La pècora mànsa vève lu latte sé e quèlle dell'ìltre
Si ottengono molte più cose con la gentilezza che con l'arroganza
 
15. L'albere s'addrizze quande è piccule
Bisogna ben educare i figli da piccoli, perché poi da grandi non si recupera più un buon comportamento
 
41. L'arte di tàte è mèzze imbaràta
E' più facile seguire le orme del padre che imparare un mestiere completamente nuovo
 
6. Le vrucchele è fijie a fojie
E' una delle tante varianti per dire che i figli riprendono la personalità dei genitori
 
73. Li parìnte è gnè li scàrpe: cchiù è strìtt e cchiù dòle
A volte chi più dovrebbe volerci bene, ci fa più male
 
9. L'occhie de lu patrone ingrasse lu porc
Bisogna essere presenti a gestire la propria ditta, se vogliamo che vada bene
 
40. Lu fìle va a fìle, lu piòmme va a piòmme, e lu mùre va stòrte
Anche se tutto è fatto come si deve, il risultato non è quello desiderato
 
74. Lu gelòse zè mòrte sempre curnùte
La troppa gelosia rovina l'amore ed induce proprio al tradimento
 
39. Lu guàie, chi li tè, se li vènne, chi ni li tè, se l'accàtte
Se qualcuno ha una cosa problematica, cercherà di liberarsene, e troverà sempre qualcun'altro pronto a comprarla!
 
72. Lu gùste dell'àsine è la ramàccia
Ognuno riceve quello che si merita, o ciò che si confà alle sue pretese
 
59. Lu pòrche, quànde sta sàzie, arevòteche lu tròcche
Spesso chi riceve molto non mostra riconoscenza verso chi lo ha aiutato, anzi lo disprezza
 
35. Lu velène de la sèra, aripònnetele pe la matìna
Se sei arrabbiato, è meglio far passare del tempo prima di agire, perché la rabbia porta ad azioni di cui ci si potrebbe pentire
 
14. Mazze e panille fa' li fijare bille
Per la buona crescita dei figli è necessaria un po' di severità, oltre che una buona alimentazione
 
34. Ncìme a lu còtte l'acqua villìte
Una disgrazia che si abbatte su chi era già provato da altri danni
 
65. Nènghe a cinciùne: pòveri cafùni. Nènghe a ciciarìlle: pòveri puvirìlli
Il lavoro in campagna, e la vita delle persone, dipendono strettamente dalle bizze del tempo
 
48. Nghe nu scì t'impìcci, nghe nu no ti spìcci
A volte è meglio rifiutare qualche proposta per stare fuori dai guai, anche se può dispiacere a qualcuno
 
29. N'n pòrte pane a casa
E' una attività inutile, di guadagno nullo
 
22. N'n tè manghe l'ùcchje pè piàgne
Dicesi di persona molto povera
 
77. O trèsche, o spìcci l'àia
In campagna non si può star senza far nulla: o si trebbia, o si pulisce l'aia. Si dice ai fannulloni
 
20. Ogni case tè nu pence rotte
Non esiste la famiglia perfetta: c'è sempre una pecora nera
 
43. Ognùne è rrè a la càsa sé
Almeno in casa nostra, possiamo fare ciò che ci pare
 
66. Pànza chièine, n'n crède a chèlla vùit
Chi non ha problemi economici non riesce a mettersi nei panni di chi è bisognoso
 
1. Pare parecchie, fuse e vertecchie
Pari pari, come il fuso e lu vertecchie. "Lu vertecchie" è un peso dotato di un anello che viene appeso alla lana durante la filatura. Il suo peso varia in base alle dimensioni del fuso: se troppo leggero la lana non fila, se troppo pesante la lana si spezza. Insomma, bisogna adattarsi alla situazione del momento
 
47. Pàsse òggi, che vè dumàne
Non drammatizzare troppo i guai, cerca di passare la giornata che il domani porterà cose buone
 
76. Prìma l'anèlle, e dòpe lu ciufèlle
Una volta le donne si concedevano solo dopo il matrimonio
 
33. Pure la reggìna ha avùte abbisògne de la vicìna
Non bisogna trattare male tutti, perché prima o poi si avrà sempre bisogno della gente che ci circonda
 
45. Sa cchiù lu patùte ca lu sapùte
La sofferenza e l'esperienza personale insegnano molto di più dello studio sui libri
 
50. Sand'Andònie accètta tùtte, làrdo, òssi e prisùtte
Qualunque dono, anche semplice, è sempre benvenuto
 
2. Se è jiute la crapa a la vigne, statte tranquille ca ci va pure la fijie
Se la madre ha messo le corna al marito, è molto probabile che anche la figlia avrà lo stesso comportamento
 
36. Se le sànne in tre, li sa pùre lu rre
Basta riferire un segreto ad una sola persona, che lo sapranno tutti
 
62. Se sumìnd le spìne, ta da fa le scàrp di ferr
Quando si semina zizzania e maldicenza, bisogna anche prevedere la vendetta degli altri
 
71. S'ha pèrse l'anèlle, ha rimàste la dètere
Anche le cose preziose possono andar perse, l'importante è che si rimanga sempre in buona salute. La dètere è il dito, in palmolese
 
24. Spùte pe ària, ca t'arcàsche mmòcche
Evita di parlar male della gente, perché un giorno sarai tu l'oggetto delle cattiverie
 

Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli


amicidipalmoli.it - Sito su Palmoli (CH). E-mail: posta@amicidipalmoli.it
Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi, canzoni, mostre, turismo, accoglienza