Palmoli, provincia di Chieti. Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi
Foto
Video
Come arrivare
Contatti
Prima pagina
Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli
Canzoni e canti popolari palmolesi ed abruzzesi

 

Canti palmolesi

La canzone dell'acquedotto             Palmoli di 'stu core

parole e musica di Giovanni Ciccarone
Palmoli, gennaio 1950

Palmoli è stati nu paesi furtunate
ca à vuti lacq è rimasti cunzulate.
Tutti lu paesi mo cchiù belli lemma fa
li strad emmà ccungià e pu divendi na città.

Ritornello:
O paiselli mè
soli tu, soli tu si belle
motinemi li fundanelle
e mo tutti vò ben'a te.
Tra pochi temma fa
na cità nghi li matunelle
mo tinèmi li fundanelle
zi vulemi a rinfriscà.

Canna la matìn t'affaccì ngimà lu monte
e vidì la ggend chi turnavi da la fonte
e s'vvicinav' chiani, chian a lu passà
sudat assai, assai ti facè vinì pietà.

(Ritornello)

Canna pu tirav cullu vendi forti forte
pi na conca d'acq eri guai di la morte
ma na conca d'acqeri na nicissità
e tutti li pericoli dovevan affrontà.

(Ritornello)

Canna pu ci stav mezzi metri di neve
c'eri tanta gent chi li scarp ni tineve
e pi j la font nimbutevi caminà
lu cori ti dulev ma nnavè comà zi fa.

(Ritornello)

Emo finalmend l'acquedott è rrivate
e da stu mumend la pauri ze passate
tutti lu paesi l'acqua freschi vo tuccà
e pi la cundendezz tutt quand vò ballà.

parole e musica di Giovanni Ciccarone

Lu pajese addò so nnate
mi piace assai assà.
Ci sta 'n'aria profumate,
ca ti sind'a ricrià.
Sta pusate di sopra 'nu monte,
e lu sole gli ride di fronte.
'Stu pajese si chiama ccuscì:
Palmoli, Palmoli, Palmoli.

Ritornello:
Quanda sì bbelle,
quanda sì bbelle,
Palmoli di 'stu core!
Nin bozzi sta',
luntàn da te,
manche 'nu pari d'ore.
Li culumbelle,
li rundunelle
t'aggire sempre atturne.
Tutto si deste,
pare ch'è feste
sere matine e jurne.

Si tu ve' 'ngimà 'lu monte
la sera a passeggià,
tu assisti a 'nu tramonte,
chi nin li si visti ma':
la Majelle si vede 'ndurate
e lu cili si vede arrusciàte,
'stu pajese si chiama ccuscì:
Palmoli,Palmoli, Palmoli.

(Ritornello)

E ci sta la gente bbone,
chi zi sa rispittà.
Ci sta pur lu vini bbone,
e la carne in quantità.
Nin gi manche niende niende,
e ognuno si trove cundende.
'Stu pajese si chiama ccuscì:
Palmoli, Palmoli,Palmoli.

(Ritornello)

E ci sta 'na giuvuntunie,
chi sa jucà' a pallòn;
nghi li calci e nghi li punie
ti sa fa' 'nu partitòn.
Canna venghe arimane cundende,
e cundende arimane la ggente.
Stu pajese si chiama ccuscì:
Palmoli, Palmoli, Palmoli.

(Ritornello)

Sand'Anduni             La Pasquetta

E dumàni è cullu Sand':
lu bell' sand'Andùni sand'!

Sand'Andùni z'è missi 'n gamìn'
e javi visctìt' da pilligrìn';

Nghi nu cuambanèll' in man':
jav' Gesù chi li chiamav';

e 'na cràocj'e 'na coròn':
jav' Gesù e la Madònn'.

La Madònn' salì 'nciel'
per pregar' sand' Mecchèl'.

San Mecchèl' fu pregat'
da la Madonn' Incurunat'.

Si cciavèti nu fuijj' maschel':
Cavalìr' li putèti faj'!...

Si cciavèti 'na fijja fèmmen':
li putèti maritàj'!...

Sand'Anduni 'ngìm a lu tett',
li guardàv' lu purcuètt'.

Nu purcuètt' e nu majàl'
zi li magnàem' 'stù Carnevàl'.

Si cciavèti 'na vindricìn',
sand'Andùni z'avvicìn'.

Si cciavèti 'na vindrèsch',
sand'Andùni z'arrinfrèsch'.

Si cciavèti nu prusùtt',
Sand'Andùni zi pìjj' tutt'.

Si cciavèti 'na vacch e 'nu vòv':
l'anni chi vvè, è diciannòv'!

E nu gall e 'na gallìn':
l'anni chi vvè, è na vindìn'!

Si cciavèti 'na picurèll',
l'anni chi vvè, 'na particèll'!

Tòcca, tòcch'! Zà Marìj'!
Va! Càccj' nu pèoch' di vini bbèon',
ca sand'Andùni z'ò vàev' nu cchèon'!

musica tradizionale
autore sconosciuto

Noi veniamo, in questa sera,
con la “nuova” più che vera:
“domattina, è la Pasquetta!”
Che sia santa e benedetta!

S'empion lieti i nostri cuori
di vecchietti e di stupori:
vanno gli Angeli cantando
e i pastori festeggiando.

Van dicendo per la via:
"già è nato il Gran Messìa"
e i tre Re dell'Oriente
si partiron lietamente.

Grande Stella rifulgeva;
per la via li dirigeva.
Arrivata a un tale loco,
si fermò la Stella un poco.

Si fermò la bella Stella
su una rozza capannella,
dove c'era il gran Signore,
il pìo nato Redentore.

Ivi giunti i santi Re,
genuflessi tutti e tre,
a Gesù, vago tesoro,
detter mirra, incenso e oro.

Adorato il Dio-Bambino,
si rimisero in cammino.
Dove mai, dove andranno?
Anche al Tempio se ne vanno.

Or che detto il gran Mistero
noi abbiamo, grande e vero,
da mangiar ci date il pane,
per stasera e la dimàne.

E, con bella cortesìa,
alla nostra compagnìa,
date, date un gallinaccio
o salsicce o sanguinaccio,

o prosciutto o mortadella,
o buon cacio o scamorzella:
noi di qui non ce e andremo,
se di doni non ne avremo!

E, se ora non potete,
domattina cel darete.
Noi, intanto, vi auguriamo:
BUONA PASQUA! E ce ne andiamo...

Mia cara Lena             Bella mia piccine

parole ed aria tradizionali

O come mai, mia cara Lena,
questa mattina non t'alzi ancor?

Mi sento male, un mal di testa;
mi sento male, mal da morir.

Io, se per caso dovrò morire,
ti raccomando i miei piccin!

Al più piccino, ci dai il latte;
al più grandino, dai da mangiar.

Dopo sei mesi, la Lena è morta;
il suo marito torna a sposar.

Ma questa donna, tanto cattiva,
gli maltrattava i cari piccin:

al più piccino dava le botte,
al più grandino dava il bastòn.

Il più piccino corse alla tomba
della sua mamma e chiese il mangiar.

O mamma, mamma! Ciò tanta fame,
ciò tanta fame da morir.

O figlio mio, ritorna a casa,
che è preparato il desinar.

Or dalla spesa tornò il marito
e nella casa Lena trovò.

O come mai, mia cara Lena,
dall'altro mondo tornata qua?

Io son tornata per dirti questo:
che maltrattate i miei piccin;

al più piccino, date le botte;
al più grandino, date il bastòn.

Brutto vigliacco, mi hai fatto uscire!
Non posso in Cielo più ritornar!

parole e musica di
Giovanni Ciccarone

Rusìn', canna pess' la matine,
ti vedi ca si bell e si carine;
i penz ca nu fiore s'avvicìne
chi spann lu prufum a lu vicìne.
Vuless dirt allor na paruline,
ma vedi ca tu si ancor' bambine;
l'amor nni se fa, ca si piccine,
ma i tui 'mbarà, cara Rusine.

Ritornello:
(uomo) o bella mia piccìne,
(donna) l'amore è 'na medicìn:
(uomo) ti dà la gioia a lu cor',
(donna) ti mett lu bon'umor.
(si ripete tutt'e due insieme)

Rusìn', nghìssa facce gne na rose,
ti vuj dice mò 'na bella cose:
ti vuj bene, nin fa la ritrose;
ti vuj dice si mi vù pi spose.
Sapiss quand'è bell a fa l'amore!
Ti fa sendì la gioi' endrà lu core,
picchè ti da li baci con ardore,
ti fa sendì l'ebbrezz e lu sapòre.

(Ritornello)

 

Canti abruzzesi

Vola vola             Tutte le funtanelle se so seccate

Vulesse fa' rvenì pe' n'ora sola
lu tempe belle di la cuntentezze,
quando pazzjjavam' a vola, vola
e tutta surridè la giuvinezze.

E vola vola vola
e vola lu pavone;
si tiè lu core bbone
mo fammec-i-arpruvà.

Come li fiure nasce a primavere
lu cante nasce da la cittellanze,
cantemme tutte quante accome jere,
pe vive d'allegrie e de speranze.

E vola vola vola
e vola lu cardille,
fa ss'uocchie che scintille
lu sole annascunnà!

Tutte le funtanelle se so' seccate,
pover'amore mè, more de sete.

Tromma larì lirà la vita è belle,
tromma larì lirà, viva l'amor.

Amore mi tè sete, mi tè sete...
Dov'elle l'acqua che mi sci purtate?

Tromma larì lirà...(ecc.)

Mare nostre             Oh che fresca funtanelle

Mare nostre, mare che spira a stu' core
na passione d'amore che mi fa 'ncantà;
mare belle sopra sta bella paranze
l'anime le luntananze se mette a sugnà.
Voga voga, marenare, voga voga;
Pè stu mare che nun dorme, suspire 'nche me;
voga voga voga voga!

Mare chiare mare de latte e d'argente
ogni dulore e turmente mi voje scurdà.
Mare grande come nu ciele stellate
tremà sa luce 'ncontente lu core me fa.

Oh che fresca funtanelle
L'Acquabbelle!
E' 'na vene di cristalle
surie e balle;
tra guajune, tra fijole,
scrizz' e cante 'mbacc-i-a sole.

Oh che fresca funtanelle
l'Acquabbelle!

Cant'allegre e va 'llu mare
st'acqua chiare;
li cillitte tra le fronne
j'aresponne.
Che je dice a sti cardille,
Acquabbelle, dille, dille!

Oh che fresca funtanelle
l'Acquabbelle!

Lu piante de le fojje             Pe cantà

Lu ciel'è cchiuse e cchiuse è la muntagne,
le fojje ggialle casche a un'a une,
e ssi cojje la 'live, e la campagne
tra le nebbie aresòne di canzune...
Sempre sta nebbie, amore,gna si cojje
la 'live, e ccasch' a ll'albere le fojje!
Sempre sta nebbie, amore, ecc...

Le fojje fa nu piante pe' la vie,
e lu cant' aresòne entr' a lu core
gne nu salut' afflitte, gne n' addie
di tante cose bbielle che ssi more,
di tante care nuode che ss' asciòjje,
amore, tra lu piante de le fojje.
Di tante care nuode ecc...

Pe cantà sta chiaretà
'ncore mi sente tremà
tutte stu ciele stellate,
tutto stu mare che me fa sugnà.

Pe gustà tanta beltà
l'alme se leve a sugnà,
batte lu core d'amore
batte e sussulta pe' sta chiaretà.

Rit. Ma pe te, sole pe te
esce da l'anima me,
'mmezze a stu ciele stu mare
nu cante 'mmense che 'n se po' tenè.
Luntane chiù luntane
delle luntane stelle
luce na luce chiù belle
che me fa 'ncore cantà.

Sciufulì Sciufulà             Ne me chiamate cchiù

La neve cala e Camp'Imperatore
nu regne pare fatte pe' le fate.
A quella vista te ss'allarghe ju core...
e 'ppure tu ci rii a ffa cascate...
Te tà 'mpara de bottu, o citolella,
a sciufolà sopr'a ddu pezzu' e legnu...
Equandu frizzi a ffa asciufularella...
allora te' nnamuri de stu' regnu.
Sciufulì, sciufulì, sciufulà
che dilizzia a sciufulà!
O quatrà, o quatrà,
su corremo a sciufulà
sciufulì, sciufulì, sciufulà.

Ne me chiamate cchiù core cuntente;
lu fije pè suldate se n'è ite.
La cuntentezza me s'è sculurite,
la casa mè me pare nu cummente,
ne me chiamate cchiù core cuntente.

Ne me chiamate cchiù facce de lune;
la lune n'è cchiù piene, né cchiù bianche,
la lune se ne va, la lune ammanche,
la serenata non te ccchiù canzune,
ne me chiamate cchiù facce de lune.

L'ellera verde            

L'ellera verde che s'attacca e more
avvitucchiata a j'urmu manu manu,
parea vedè la sciorte e ju pastore
che guarda ju Gran Sassu da luntanu,
e cj arepensa ancora zittu zittu,
chiagnenno 'ntra le 'rotte fittu fittu.

Coperta 'e neve, e cu 'nu mantu 'e gelu
la vecchia cime sta tutta rugosa,
spacchennu lu turchinu senza velu
com'aquila che gira senza posa.
Stu cantu allora pare 'nu suspiro,
diventa 'nu signuzzo ogni respiro.

Quann' all' Ave Maria la campanella,
resona cu 'na voce fiacca fiacca
e ju Gran Sassu guarda la Majella,
cchiù se resveja l'ellera e s'attacca.
Stu cantu è fattu de malinconia,
e la montagna è tutta 'na malia.


Luoghi e
monumenti
Tradizioni,
usi e costumi
Dialetto
palmolese
Soprannomi
palmolesi
Proverbi e
detti popolari
Canzoni
popolari
Eventi, feste,
sagre, fiere…
Tutte le foto
di Palmoli


amicidipalmoli.it - Sito su Palmoli (CH). E-mail: posta@amicidipalmoli.it
Tradizioni popolari, dialetto, eventi, feste, turismo, usi e costumi, canzoni, mostre, turismo, accoglienza